Negli Stati Uniti le Tree Houses di Peter Pichler

Negli Stati Uniti le Tree Houses di Peter Pichler - image h_73405_01 on http://www.designedoo.it20/11/2019 – Lo studio milanese Peter Pichler Architecture ha sviluppato un concetto eco-sostenibile per case sugli alberi nei pressi del Dawson Lake, nella Virginia dell’Ovest (Stati Uniti).

Le Tree Houses, aggiunte a un hotel, permetteranno di vivere una nuova esperienza nei boschi e una immersione completa nella natura.

La volumetria, con il suo distintivo tetto a falda, si ispira agli alberi d’acero, al pioppo e alle querce circostanti e sarà realizzata in legno locale.

La dimensione delle unità varia da 35 a 45 mq e si svilupperanno su 2 livelli, collegati con una piccola scala interna che conduce da quello inferiore con una piccola area lettura/lounge a quello superiore dedicato a zona notte con bagno.

Il progetto è concepito per una tipologia chiamata “slow down turism”, una nuova forma di turismo in cui la natura e l’integrazione dell’architettura svolgono un ruolo primario.

“Riteniamo che il futuro del turismo..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Shanghai, i 1000 alberi di Heatherwick Studio prendono forma

Negli Stati Uniti le Tree Houses di Peter Pichler - image h_73426_02 on http://www.designedoo.it20/11/2019 – Presentato per la prima volta nel 2015, 1000 Trees è il mega intervento ad uso misto che si estende su 300.000 metri quadrati alla periferia di Shanghai. Firmato dallo studio di Heatherwick, il progetto si trova in una zona residenziale a 20 minuti dal centro della città, in prossimità del distretto artistico e di un parco pubblico.
 
Il progetto è stato concepito non come un singolo edificio ma come un intervento su un pezzo di topografia che prende la forma di due montagne popolate da vegetazione. Le colonne – che forniscono supporto alla struttura – invece di essere nascoste, emergono nella parte superiore dell’edificio come grandi fioriere, ognuna con il suo gruppo di alberi.
 
“Per il sito era stata concessa l’autorizzazione di pianificazione esistente per due blocchi del centro commerciale convenzionale, ma un enorme edificio squadrato avrebbe dovuto essere suddiviso in pezzi più piccoli..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi