La luce come parte integrante del processo creativo dello studio monovolume

Bagno su Misura: il Box Doccia in Vetro Come lo Vuoi Tu (13 photos) - image h_69110_03 on http://www.designedoo.it14/03/2019 – Si è conclusa la seconda giornata dell’evento La luce naturale nel progetto di architettura, organizzato da VELUX e Archilovers al MADE Expo. Ospiti d’eccezione Patrik Pedò e Juri Pobitzer, fondatori dello studio altoatesino monovolume architecture+design, che hanno trattato il tema de La luce come parte integrante del processo creativo.

“In un territorio come il nostro” dichiarano gli architetti “la quantità e la qualità della luce naturale sono fortemente influenzate dalla presenza incombente delle montagne. Queste rappresentano un elemento macroscopico con cui ogni nostro progetto deve confrontarsi, in maniera differente da progetti caratterizzati da un contesto più aperto. In ogni progetto la luce è parte integrante del processo creativo della facciata stessa, attraverso elementi costruttivi che rendono la luce protagonista all’interno dell’edificio, creando giochi di forme..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Architetture dell’illusione. Il Teatro Olimpico di Vicenza

Bagno su Misura: il Box Doccia in Vetro Come lo Vuoi Tu (13 photos) - image h_69029_01 on http://www.designedoo.it14/03/2019 – Dopo Piazza Pio II di Pienza e la Chiesa di S. Maria presso S. Satiro a Milano, il nostro focus sull’anamorfismo in collaborazione con Volkswagen prosegue con un altro esempio di questa tecnica: il Teatro Olimpico di Vicenza.

Si tratta di una delle meraviglie artistiche della città veneta. È il primo e più antico teatro stabile coperto del mondo ed è l’ultima opera di Andrea Palladio (1508 – 1580), architetto e teorico dell’architettura, tra i principali protagonisti del Rinascimento.

Il Teatro Olimpico gli fu commissionato, nel febbraio 1580, dall’Accademia Olimpica, consesso culturale di importanti personalità vicentine di cui lo stesso Palladio era socio.

Il progetto si ispira dichiaratamente ai teatri romani descritti da Vitruvio: una cavea gradinata ellittica, cinta da un colonnato, con statue sul fregio, fronteggiante un palcoscenico rettangolare e un maestoso proscenio, su due ordini architettonici,..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi