Axolight. Luce eclettica

Cut, Bell e Cloudy illuminano gli spazi di Architect@Work a Parigi18/09/2019 – Si terrà a Parigi il 26 e 27 settembre 2019 la prossima tappa di Architect@Work, la rassegna dedicata al design che quest’anno vede la presenza di Axolight. Protagonista del…

Leggi

Ceramiche Refin al Cersaie

Le collezioni Fornace e Vetri Lux rivisitano il cotto e l’identità duale del vetro18/09/2019 – Ceramiche Refin sarà presente al Cersaie 2019 all’interno di Arch Architecture, l’allestimento progettato da Adriani e Rossi ispirato all’elemento architetto…

Leggi

Il brutalismo sovietico ‘inaspettatamente bello’ di Christopher Herwig

Axolight. Luce eclettica - image h_72305_02 on http://www.designedoo.it17/09/2019 – Nel 2002, il fotografo canadese Christopher Herwig decide di fare un viaggio da Londra a San Pietroburgo. Oltre 30.000 km in auto, bici, autobus e taxi oltrepassando 13 paesi scoprendo e documentando le “inaspettatamente belle” architetture futuriste dell’ex Unione Sovietica.

Herwig decide di sfidare sé stesso scattando una nuova foto ad ogni ora del suo lungo viaggio. Gran parte del tempo lo trascorre pedalando, con la sua bici, a volte camminando o prendendo mezzi di trasporto per piccoli tragitti. Tra le immagini di paesaggi e architetture viste, le fermate dell’autobus si imponevano spesso surante il suo cammino “come dei perdenti che volevano far valere la loro autorevolezza”.

E così quello che era iniziato come un gioco, si evolve rapidamente in una serie fotografica estesa dal nome “Soviet Bus Stops”.
Dalle rive del Mar Nero all’infinita steppa kazaka, attraverso queste embematiche..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi