Masquespacio in 10 domande

Masquespacio in 10 domande - image h_72333_01 on http://www.designedoo.it19/09/2019 – Nata e cresciuta in Colombia, Ana Milena Hernández vola in Spagna all’età di 18 anni per studiare interior design – il suo primo amore, ereditato da sua madre. Christophe Penasse nasce in Belgio, in una città non molto distante da Bruxelles. Appassionato di musica, prosegue gli studi di marketing prima di trasferirsi in Spagna. Insieme, ora formano il duo Masquespacio. Un’ agenzia creativa con sede a Valencia che si occupa sia di interior design che di branding.

Grazie alla loro forte identità e al loro approccio decisamente contemporaneo guidato dalla scelta di colori audaci, denso di contrasti e contaminazioni di ogni genere, oltre a continuare a firmare importanti progetti in Spagna stanno gradualmente esportando il loro talento negli Stati Uniti.

Attraverso dieci semplici domande abbiamo cercato di ‘sbirciare dietro il sipario’ di una delle firme più prolifiche del design. Ci siamo..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Polychromie Architecturale

‘Le nouvel esprit des couleurs selon Le Corbusier’: una riflessione sul senso del colore in Le Corbu 19/09/2019 – A un anno dalla sua riapertura al pubblico dopo l’intervento di restauro a cui è stato sottoposto, il Padiglione dell’Esprit Nouveau – pro…

Leggi

Mobili da bagno, colori fluo e personalizzazione: ecco le nuove tendenze dell’arredo bagno

Le nuove tendenze dell’arredo bagno si concentrano sulla funzionalità dei mobili da bagno, colori fluo, ritorno delle piastrelle l’importanza dello specchio Read more…

L’articolo Mobili da bagno, colori fluo e personalizzazione: ecco le nuove tendenze dell’arredo bagno proviene da Architettura e design a Roma.

Leggi

Le dinamiche del villaggio rurale in un rooftop bar

Masquespacio in 10 domande - image h_72313_01 on http://www.designedoo.it18/09/2019 – “…mentre per Mahatma Gandhi il Villaggio era un sinonimo di autenticità, per Nehru era un luogo di arretratezza e per Ambedkar il villaggio era il luogo di oppressione.” – Economic and Political Weekly Vol.37, No.32 (10-16 agosto 2002).

Quando lo studio indiano portal92 ha ricevuto l’incarico di progettare questo bar terrazza a Morādābād, India, si è subito interrogato su quale fosse il vero significato del villaggio indiano. Unità primaria di organizzazione della società e delle abitazioni stesse, nel corso del tempo i villaggi sono diventati sinonimo dell’identità dell’India stessa. 

“Studiare la dicotomia nelle scuole di pensiero riguardo a ciò che rappresentano i villaggi e le interpretazioni della loro rilevanza, e lo stato in continua evoluzione è stato il punto di partenza del nostro progetto” – affermano gli architetti di portal92.

In The..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi