Sei qui

Imm Cologne 2018: la Das Haus di Lucie Koldova

Imm Cologne 2018: la Das Haus di Lucie Koldova - image h_61985_02 on http://www.designedoo.it22/01/2018 – Si è conclusa ieri la nuova edizione della fiera Imm Cologne 2018 in Germania: il primo appuntamento del nuovo anno dedicato all’interior design ha visto una forte presenza di architetti, designer, giornalisti e tanti tanti buyer.
 
Come ogni anno il cuore pulsante della fiera tedesca è la Das Haus. E come ogni anno, a raccontare la sua ‘casa ideale’, è un talento creativo di fama internazionale.

Dopo Neri&Hu, Sebastian Herkner, Louise Campbell  e Todd Bracher, è la volta di Lucie Koldova. Originaria della Repubblica Ceca, la designer ha vissuto gli ultimi anni dividendosi tra Parigi e Praga, e ha lavorato nello studio di Arik Levy. Oggi è direttore creativo del gruppo Brokis, brand ceco specializzato in progetti di illuminazione che mixano alta tecnologia e abilità dei maestri vetrai cechi. 

Affascinata dalla magia del vetro e dall’energia della..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Addio a Dame Zaha Hadid, la più grande archistar donna

Imm Cologne 2018: la Das Haus di Lucie Koldova - image h_51162_02 on http://www.designedoo.it31/03/2016 – Il mondo dell’architettura perde oggi una vera icona. Si è spenta improvvisamente a Miami, stroncata da un infarto all’età di 65 anni, l’architetto anglo-irachena Zaha Hadid. 

 

Un architetto, donna, che sin dalle sue prime opere, si è sempre distinta per una assoluta rottura degli schemi e per aver parlato un linguaggio non convenzionale, audace e perseverante, capace di imporsi in un mondo quasi del tutto maschile. 

Prima donna a vincere il Pritzker Prize nel 2004, ed insignita di numerosi e prestigiosi premi come il RIBA Stirling Prize nel 2010 e la Royal Gold Medal nel 2016, è stata definita il più grande architetto donna del mondo.

“Zaha ha rappresentato le più alte aspirazioni del Pritzker Architecture Prize – ha commentato Tom Pritzker, Presidente della Fondazione Hyatt che sponsorizza il premio. – Univa alla visione e all’intelletto la forza di una personalità..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Addio a Zaha Hadid, la più grande archistar donna

Imm Cologne 2018: la Das Haus di Lucie Koldova - image h_51162_02 on http://www.designedoo.it31/03/2016 – Il mondo dell’architettura perde oggi una vera icona. Si è spenta improvvisamente a Miami, all’età di 65 anni, stroncata da un infarto, l’architetto anglo-iracheno Zaha Hadid. 

 

Un architetto, donna, che sin dalle sue prime opere, si è sempre distinta per una assoluta rottura degli schemi e per aver parlato un linguaggio non convenzionale, audace e perseverante, capace di imporsi in un mondo quasi del tutto maschile. 

Zaha Hadid, prima donna a vincere il Pritzker Prize nel 2004 e la Royal Gold Medal 2016, è stata definita il più grande architetto donna del mondo.

Un architetto realmente coraggioso e rivoluzionario, come pochi al mondo.

“There are 360 degrees, so why stick to one?” diceva. Le sue erano forme sempre sorprendenti, dinamiche, le sue idee sempre in movimento e pronte a sfruttare tutte le possibili curve che la mente può creare. 

Tra le sue..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi