Sei qui

Ivrea è patrimonio mondiale dell’Unesco. Il 54esimo in Italia

#6: Set di 4 sedie da pranzo ,EGGREE Modello sedie con gambe in faggio massiccio, per sala da pranzo cucina,Bianco - image h_64950_01 on http://www.designedoo.it05/07/2018 – Il 42° Comitato del Patrimonio mondiale Unesco, che si è svolto a Manama (Bahrein) dal 24 giugno al 4 luglio 2018 ha assegnato il 54esimo riconoscimento all’Italia, Paese al mondo che ne detiene il numero più alto, in questo caso a Ivrea. La Cina, con 52 siti Unesco, ci segue a ruota.
 
È nel 2008, su iniziativa del Comune di Ivrea e della Fondazione Adriano Olivetti, che nasce l’idea di proporre la candidatura di “Ivrea Città Industriale del XX secolo” a Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Nell’ ormai lontanissimo 1908 ad Ivrea nasceva la Olivetti, frutto del sogno all’epoca utopico del suo fondatore Adriano Olivetti, non un semplice marchio, ma un grande progetto sociale ancora oggi innovativo, che implicava una nuova relazione tra imprenditore ed operaio, oltre ad un nuovo rapporto tra fabbrica e città.

A cavallo tra gli anni ’30 e gli anni ’60 del 1900,..
Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi

Una casa per una coppia di viaggiatori e fotografi itineranti

#6: Set di 4 sedie da pranzo ,EGGREE Modello sedie con gambe in faggio massiccio, per sala da pranzo cucina,Bianco - image h_64957_03 on http://www.designedoo.it05/07/2018 – “Vorremmo una casa diversa dalle altre, ma capace di integrarsi con il nostro territorio. Vorremmo che la casa rispecchiasse un po’ il nostro animo di viaggiatori e portasse con se il nostro spirito di fotografi itineranti. Amiamo Edward Hopper, pittore del silenzio, e sarebbe un sogno se la casa ricordasse un vecchio fienile americano”. 

Così parlavano i committenti di Emanuele Scaramucci quando gli hanno chiesto di progettare questa casa unifamiliare nelle campagne marchigiane.

La struttura di Casa Acadia è interamente in legno e le sue prestazioni energetiche la rendono una Passive House. Costruita con la collaborazione della Centro Legno e di maestranze locali è stata realizzata sotto la stretta supervisione dei committenti.
I proprietari hanno potuto fortemente contaminare il progetto guidati da suggestivi ricordi, citazioni artistiche, memorie di viaggi e sogni.

Continua a leggere su Archiportale.com

Leggi
1 2